Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Norman Hewitt nel ricordo di Jacky Marti

29 giugno 1990
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Direttore artistico di Estival Jazz Lugano, Jacky Marti ha tracciato un ritratto di Norman Hewitt, attingendo alla memoria di una lunga amicizia.

«The Thrill is Gone (Il brivido se ne è andato) è un celebre brano portato al successo da B.B. King, il re del Blues. Con queste parole Norman Hewitt aveva commentato la recente scomparsa di un altro re, il re del rock'n'roll Chuck Berry. Ci eravamo incontrati per caso, nel centro di Lugano, e come sempre ci eravamo soffermati a parlare di musica, a lungo. Norman non era solo un appassionato cultore di Blues, era una sterminata enciclopedia ambulante, sapeva tutto, conosceva tutti.

Sempre presente ai concerti, immancabilmente in giacca e cravatta, con la sua inconfondibile cadenza british dispensava, sotto i baffi sornioni, fulminanti battute e gustosi aneddoti. Norman era un signore d'altri tempi, un autentico gentleman. Ho ascoltato i suoi racconti per ore, ovunque. Norman è stato per quarant'anni apprezzato collaboratore della RSI e della nostra Radio: lo avevo presentato un giorno a Nicola Franzoni, che subito intuì il suo potenziale. Quando veniva a Besso portava con sé una valigetta piena di perle e rarità discografiche. Persino il giorno del suo matrimonio con la bellissima Paola, a Portofino, ci aveva invitati tutti: "Sono un inglese un po' scozzese" - scherzava - ho dovuto per forza sposare una genovese!"

Quando disquisiva di Blues, Norman si illuminava, la musica del Diavolo era la sua passione, come lo era la sua impareggiabile collezioni di dischi.

Stimato professore di inglese, Norman Hewitt è stato il fondatore e il papà del Blues to Bop, una delle più belle feste musicali del nostro Paese. Ha fatto conoscere a molte generazioni di svizzero italiani il Blues, ce lo ha fatto amare, ci ha fatto scoprire decine di talenti emergenti, musicisti che andava a scovare direttamente negli States e di cui era orgoglioso. La sua competenza era riconosciuta a livello internazionale. Norman Hewitt ha dato un importante contributo alla vita culturale della Svizzera italiana che era diventata la sua nuova patria.

L'ultima volta che ci siamo incontrati abbiamo anche ricordato Hannes Hanrig, il nostro collega ideatore della Festa New Orleans e del Vallemaggia Magic Blues, a sua volta scomparso quest'anno. "Gli dobbiamo molto, ha fatto tanto per il Ticino, dobbiamo dirgli grazie", aveva detto Norman.

Oggi voglio dedicare la medesima parole a lui, a Norman. Tutti noi appassionati di musica gli siamo riconoscenti e lo ringraziamo di cuore per le emozioni che ci ha regalato.

In queste tristi occasioni si rischia inevitabilmente di scivolare nella retorica ma credo di poter tranquillamente affermare che con la scomparsa di Norman Hewitt la vita e l'animazione culturale del nostro Paese sono oggi un po' più povere.

Arrivederci Norman, goodbye Mister Blues, The Thrill is Gone!»

Questo documento di lanostraStoria.ch è un estratto del servizio televisivo dedicato a Estival Jazz Lugano che Alberto Chollet realizzò per l'edizione del telegiornale del 29 giugno 1990. Nella terza serata di Estival si esibirono la United Nation All Star Orchestra, con Arturo Sandoval e Dizzy Gillespie, e BB King. Le osservazioni di Norman Hewitt sono proprio su BB King.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
9 ottobre 2017
1,151 visualizzazioni
1 like
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:00:19
Già 586 documenti associati a 1990 - 1999
La rete:
Sponsor:
6,806
2,107
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.