Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Le filigrane di Canobbio

2002
Graziano Gianinazzi
Atte-Museo della Memoria

La produzione di carta dei Fumagalli di Canobbio dal 1712 al 1903 in una ricerca filigranologica. I Fumagalli giungono a Canobbio, da Castiglione di Lecco, agli inizi del 1700 e si insediano in quello che era il maglio dei Torricelli, trasformato in cartiera, nella zona che divenne poi la Cartèra. Diventano i primi produttori di carta nel luganese e, oltretutto, fornivano pure la stamperia Agnelli. Con la rivista “Il Cantonetto” del novembre 2011, l’autore rifà la storia di rogge e opifici della valle del fiume Cassarate.

Consultabile presso la Biblioteca Cantonale di Lugano

Autore: Graziano Gianinazzi

Vai al dossier LIBRI e ARTICOLI del Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0156

Foto

MDM.ATTE.CH/MDM0156-foto-1.jpg

Le filigrane di Canobbio | Varie filigrane a pag.22

MDM.ATTE.CH/MDM0156-foto-2.jpg

Gallo in festone di rami

MDM.ATTE.CH/MDM0156-foto-3.jpg

Le filigrane di Canobbio | Castello con due torri con aquila a destra.

MDM.ATTE.CH/MDM0156-foto-4.jpg

Le filigrane di Canobbio | Stemma cantonale con festoni di quercia e alloro. 1803 (Canobbio). Carta da bollo da 1 Batz. Cartiera non identificabile.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
25 aprile 2021
34 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
La rete:
Sponsor:
8,638
2,515
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.