Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Giuseppe Zoppi

Nato a Broglio, in Valle Maggia, nel 1896 e morto a Locarno nel 1952, Giuseppe Zoppi fu poeta, narratore, saggista e docente. Dopo il conseguimento della laurea in lettere all'Università di Friburgo, con una tesi sulla poesia di Francesco Chiesa, si dà all'insegnamento delle lettere al Liceo di Lugano, alla Magistrale di Locarno, dove fu anche direttore e infine al Politecnico federale di Zurigo, dove, fino alla prematura scomparsa, è titolare della cattedra di letteratura italiana.

Delle opere che compongono la sua ampia produzione letteraria si ricordano in special modo le prose de Il libro dell'alpe, divenuto immediatamente un autentico best seller nella svizzera italiana, dove viene letto in tutte le scuole, e le poesie raccolte nel volume La nuvola bianca. La critica della Svizzera italiana lo affiancò e addirittura lo contrappose spesso a Francesco Chiesa, in quanto al Libro dell'alpe, alla sua visione idilliaca della vita contadina, veniva opposto Tempo di marzo, con i ricordi d'infanzia più lombardi del Chiesa. Una contrapposizione dovuta ad una "stupida preoccupazione poetica" secondo Guido Calgari, che nel suo volume Le quattro letterature della Svizzera (Sansoni, 1968), parla di una esagerazione dei meriti del valamaggese "per bisogno di causa". Comunque, per chi volesse riscoprire il mondo di ricordi incantati e fiabeschi dello Zoppi gli archivi RSI ci vengono in aiuto con un'intervista ad Adriano Soldini, da un Radioscuola del 1986 e un'edizione, dello stesso anno, di "Fatti vostri", dove Bruna Zoppi, vedova dell'autore, ci racconta uno Zoppi meno noto, più privato. La voce dello stesso autore ci viene restituita in una curiosa registrazione di un messaggio augurale di capodanno.

"Lavorare con rigorosa esigenza verso se stessi, ciascuno nel suo campo". Per un capodanno...
1
0
1
Realizzato da Luciano Marconi e da Dario Bertoni a 10 anni dalla morte dello scrittore val...
0
0
1
Nell'edizione del "Regionale" andata in onda il 31 ottobre 1972, Plinio Grossi intervistò...
0
0
1
"Radioscuola" si è occupata a più riprese di letteratura. In un ciclo dedicato negli anni...
0
0
1
Su adattamento radiofonico di Franco Enna, la sezione teatrale della RSI propose nel 1979...
0
0
1
Giancarlo Zappa ha scelto per questa trasmissione - nel 1988 rivolta a studenti della 4.a...
0
0
1
Adele Viviani, curatrice di questa edizione di "Fatti vostri" dedicata a Giuseppe Zoppi, h...
0
0
1
Nell'ottobre del 1996, Associazione Scrittori della Svizzera Italiana (ASSI) organizzò a L...
0
0
1
Nel 1997, Romano Venziani è tornato a ripercorrere le vie e i sentieri di Giuseppe Zoppi....
0
0
1
La compagnia di prosa della RSI, diretta da Ketty Fusco, ha interpretato una serie di adat...
0
0
1
Giuseppe Zoppi
L'8 ottobre del 2000, la Rete Uno della RSI mandò in onda la seconda puntata - dedicata a Giuseppe Zoppi - della serie di trasmissioni radiofoniche intitolata Acquarelli popolari, curata dal redattore Antonio Pelli e dallo storico della letteratura Renato Martinoni. Dal lavoro radiofonico prese form...
0
0
2
La rete:
Sponsor:
7,263
2,163
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.