Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
Val Bavona: Frazione di Roseto

Val Bavona: Frazione di Roseto

1930
Bianca Tonini, Cavergno

La foto ritrae Roseto in Valle Bavona. La strada sterrata e stretta passava ancora sulla sinistra e Roseto era raggiungibile attraverso un ponte in legno sul fiume. Dalla "Capela d'Arièt", sulla sinistra dell'immagine, si poteva facilmente vedere il nucleo della terra bavonese. Il bosco non nascondeva ancora la vista alla gente di passaggio. Il sole raggiungeva il sentiero e la piccola cappella oggetto di culto. Come una finestra aperta sulla valle, Roseto si poteva ammirare già da lontano con i suoi prati terrazzati. Negli anni il bosco golenale, protetto dalle moderne leggi forestali ... (?!), è cresciuto a dismisura e nasconde una perla di architettura rurale armoniosa; allora ci accontentiamo delle foto storiche. Interessante notare l'assenza di elementi deturpanti quali i pannelli solari, oggi posti praticamente su ogni tetto, come pure altri elementi di costruzione (tettoie in plastica, tetti in eternit, uso del cemento in vari modi), materiali ben lontani dall'uso esclusivo della pietra. L'unico elemento era la calce per intonacare un poco qualche facciata delle case o il contorno delle finestre per portare luce all'interno e impedire alle lucertole o topi di entrare in casa. Le necessità del mondo attuale, chiamato moderno, non erano ancora una prerogativa indispensabile per poter vivere in valle. Fortunatamente, con una sensibilità diversa, si cerca ora di intervenire al meglio eliminando il più possibile gli elementi deturpanti ricuperando e ritornando alla bellezza originale che è natura nella natura, pietra con la pietra, ben consapevoli che alcuni compromessi devono e dovranno essere accettati. Una valle il cui destino è radicalmente cambiato: da civiltà contadina a spazio per il tempo libero, regolamentato e piacevole, fruibile per tutti coloro che cercano la meraviglia di un regalo antico fatto di fatiche, giunto quasi intatto fino a noi e a cui dobbiamo rispetto e riconoscenza. La valle Bavona è stata inserita nel patrimonio Nazionale e Cantonale dei siti protetti e una struttura ad hoc, la Fondazione Valle Bavona, con sede a Cavergno (Comune di Cevio), è strumento di indirizzo e supporto edilizio o di recupero storico divenuto indispensabile per un territorio unico e irripetibile del nostro Ticino.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
Rolando Dadò
173 contributi
24 giugno 2022
21 visualizzazioni
1 like
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
Già 1,114 documenti associati a 1930 - 1939
La rete:
Sponsor:
8,809
2,536
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.