Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Lo scrigno dei ricordi

30 testimonianze di vita, raccolte in un libro digitale

Nel 2014 la Pgi Moesano ha affidato un mandato a Mileva Albertini e Renzo Stanga con il compito di selezionare le persone - uomini e donne - da intervistare, prestando attenzione a raccogliere voci ben distribuite sul territorio di Mesolcina e Calanca. Chiaramente ci si è dovuti limitare nel numero delle interviste, in modo da poter portare a termine il lavoro in tempi più o meno brevi. Una volta individuate le persone da intervistare, sono state effettuate le registrazioni audio, poi riprese e trascritte da Renata Rigassi Codoni e organizzate in un ebook curato da Aixa Andreetta, la cui grafica è stata affidata ad Aline Santi; il supporto tecnico è stato assicurato da Alberto Bresesti, che si è occupato della sonorizzazione, l'impaginazione e l'adattamento informatico. www.scrignodeiricordi.ch

La storia di queste persone, nate attorno agli anni '30 del secolo scorso, coprono un arco temporale interessante, poiché ancora poco studiato. Recente, ma già passato.

Alle loro testimonianze vanno ad aggiungersi i ricordi condivisi di ognuno di noi, che permettono di comprendere e riscoprire un periodo di grande svolta e di cambiamenti eccezionali, dati oggigiorno ormai per scontati. Una società rurale che pian piano si modernizza, un dopoguerra che promette una rinascita, la continuazione di alcune tradizioni e l'invenzione di tante nuove attività.

In un mondo che cambia sempre più velocemente, quanto è importante soffermarsi ad ascoltare, a ricordare, a riflettere?

Il formato digitale, simbolo di questo cambiamento tutt'ora in corso, permette di offrire un prodotto di facile accesso e molto flessibile dal punto di vista tecnico, in modo da poter inserire nuove testimonianze man mano che queste arriveranno...

Mostra nella mappa

0
"La memoria? Ormai siamo su un altro pianeta, non si riesce neanche a capire, tra computer...
0
0
1
"Ho cominciato a fare il guardiacaccia il primo febbraio 1952. Prima mi occupavo del circo...
0
0
1
"I nostri sassi sono sempre ricercati. Invece i sassi dell'estero vanno a periodi: un peri...
0
0
1
"I più bei ricordi sono stati i primi anni da maestro, in Giova. Non avevo ancora compiut...
0
0
1
"Avevo imparato a cucire un po' alle lezioni di attività tessili. In seguito ho imparato a...
0
0
1
"Da bambini si giocava con la trottola all'asilo, c'e- rano pochi giocattoli e tanti bambi...
0
0
1
"Ho cominciato a lavorare all'asilo nel 1952. L'asilo era frequentato da una sessantina di...
0
0
1
"Il gioco delle biglie era l'unico gioco che avevamo. La palìnen le più belle erano di v...
0
0
1
"Mio padre era pittore, di Soazza. Ci si metteva assieme e si giocava, si cantava, non ave...
0
0
1
"I miei fratelli lavoravano anche come boscaioli o sugli alpeggi. Ha cominciato già mio p...
0
0
1
"Sono del 1919 di novembre. Ricordo a scuola che mi mettevano in castigo. Io scendevo dall...
0
0
1
"Sono nata nel 1919 a Mesocco dove ho sempre vissuto. Sono stata via poco, da bambina anda...
0
0
1
In evidenza
"Poi è scoppiata la guerra ed uno Scalabrini, segretario comunale, suonò l'allarme per l...
0
0
1
"Sono nato e cresciuto qui in questa casa che era di mio nonno el Mocc. Tanti mi dicevano...
0
0
1
La rete:
Sponsor:
3,209
1,535
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.