Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
Le frazioni di Mesocco - Filastrocca

Le frazioni di Mesocco - Filastrocca

Claudio Abächerli

Questa trascrizione della canzone/filastrocca delle frazioni di Mesocco è probabilmente di mia prozia Domenica Levi. Ovviamente, dovendo trascrivere in fretta quanto qualcuno raccontava oralmente, ortografia e grammatica non sono perfette; spesso l’articolo e il verbo sono condensati in una parola (es ia per i ha; le per l’è; unga per un g’ha ecc). Non so nulla del periodo e dell’autore ma si possono fare supposizioni fondate. Il fatto che a Cebbia tutti fossero motorizzati e che a Lavin ci fossero molte nuove costruzioni e che le acque furono vendute (per le centrali idroelettriche) lascia supporre che siamo all’inizio degli anni 60 (o fine anni 50). Quanto all’autore, in qui tempi v’era uno che si autodefiniva “Poeta e contadino”: Ugo Fasani detto Ugo Massera, di cui è famosa l’epica poesia “La camereiren” che declamava le cameriere dei vari ristoranti di Mesocco, e che spero di ritrovare e pubblicare. Forse l'autore fu lui, ma non ne sono sicuro, è un'ipotesi.

Visto che la calligrafia non è sempre molto leggibile ecco la trascrizione “tel quel”

Canzone (filastrocca) delle Frazioni di Mesocco

Benabbia

Del pais som sentinella
Perché som la più bella
I so abitanti ie bona scent
E per chest ie semper content

Cremeo

Negn sciorien de Crimei
Un sa più andò pontà i pei
Ma uttegnu tutt chel che ma vulzu
Perché i alter ie tucc trululu

Leso

Negn da Leis in diseva i pegorei
Ma nen tegn amò al dì dankei
Un se coma ai temp de Guglielmo Tell
E un se amò bon da mett fora la pell

Andergia

Andergi cui della sonarien
Ia vendù quasi tutten la peiren
Un se miga bon de sta a fa i lizzogn
E per chest i ne ciama i borzon

San Rocco

A San Rocc quant i bateva la biava

I sonnambuli i ne ciamava

El progress le miga gueira

Ma un bel camp i na facc dent in geira

Darba

A cui de Darba ich diseva i barbei
I ghe la fa propi a cui de Crimei
I vo cungiunges cun Andergia e Lusgian
E un dì a venì cun cui del Pian

Anzone

Anzon i ne dis i mincion
Perchest un se tropp bogn
Se ma bevu acqu tota fin anchei
Finalment gh’è scià chela da Pei

Cebbia

A Cebbia in diseva i salterei
Ma adess un va più a pei
Un se quasi tucc motorizzei
E un ga una sfracca de bei mattonei

Doira

Negn da Deira un se cui del pever
E un vett quasi tutt negher
Dal Cumugn un se tropp trascurei
Perché un se a caval di curnei

Logiano

Luscian frazion di scudesciei
La volu fa tutt da parlei
Con 4 o 5 straden a disposizion
La voria ancamò un stradon

San Bernardino

San Bernardin le un bel sitin de cura
E un ga la vita propi dura
Un se tucc sciori un lavora pocc
E un se invidiei da cui de Mesocc

Lavina

Dumà una cà ghera su a San Michè
Dopu quanten ghe ne venic dre
Som gioina e bella e som carina
Le migh giust ch’in ciami Lavina

Tucc insema un se Mesocc
Brava sgent e tucc d’un tocc
Un se bogn da lavorà da ritt e da cantà

Una vendu i bosch e la nossen acquen
Un ga la luss gratis e tanten gagnen
En resta el castell, en resta la muntagnen

Le propi un bel pais, anca i alter i el dis
Viva viva i nos frazion
Viva viva i Mesoccon.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
Claudio Abächerli
750 contributi
19 agosto 2019
281 visualizzazioni
1 like
0 preferiti
0 commenti
1 dossier

Dossier:

La rete:
Sponsor:
7,922
2,367
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.