Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
"Perché no?"

"Perché no?"

6 dicembre 2014
kingeric_vii

"Fabio, ti andrebbe di andare alla Valascia a vedere Ambri Piotta - Lugano?" "Perché no".

Quante cose fantastiche e indimenticabili nascono da un "Perché no", da quel fuoco istintivo che ognuno ha dentro che ci consiglia di non rinunciare a nessuna esperienza.

Quella domanda fatta dal mio amico Andrea, (Milanista, Fan dei Rolling Stones e giornalista, in quest'ordine - suo tra l'altro) fece da preludio ad un pomeriggio che ricordo come se fosse successo ieri.

Ho sempre simpatizzato per la "parte nera della luna", sono Interista in una generazione dove mentre in Europa riuscivamo nell'impresa di far diventare Lugano famosa per qualcosa non legato alle banche, i miei coetanei milanisti alzavano coppe con una facilità impressionante, tifoso della Virtus Bologna in una Milano dove giocava una Olimpia fiore all'occhiello del basket Italiano (certo, so cosa state pensando, ho avuto ragione "alla lunga", ma il tempo si sa, è sempre gentiluomo), quindi scegliere l'Ambrí per me è stato quasi naturale.

Prima di quel "Perché no" però non potevo dichiararmi davvero tifoso: era una simpatia, una curiosità. Io che avevo girato il mondo per l'Inter sapevo che il tifo è anche sofferenza e delusione e l'Ambrí non mi aveva mai fatto soffrire.

infondo parliamo di uno sport, l'hockey, neanche così popolare in Italia e diciamocelo, i campionati esteri li seguono davvero solo gli amatori.

Fino al quattordicesimo minuto.

Ricordo che ero ancora un po' stordito dall'ambiente dentro la Valascia (per quanto possono raccontarti una cosa, viverla per la prima volta è sempre diverso) quando Aucoin appena entrato in pista dopo aver scontato una penalità bucó il portiere del Lugano.

Ho ben impresso nella mia mentre il secondo esatto quando pensai "Ecco, mi sono innamorato" mentre parlavo con quella che è la mia compagna, ricordo perfettamente il rumore del cuore fuori giri quando vidi San Siro per la prima volta.

Quel boato fu la danza di seduzione più irresistibile a cui abbia mai assistito.

Da quel momento, il 6 Dicembre 2014, fu amore.

Il derby finì 3-1 (la cosa diventente? 4 derby visti, 4 derby vinti) e così da quel giorno inizai a soffrire per quei colori.

C'è una foto di quel pomeriggio che custodisco nel mio cloud, fatta da Massimo (anche lui Milanista, donnaiolo e giornalista sempre in quest'ordine) dove esulto al gol del 3-1.

Felice.

Con la faccia di chi si è appena innamorato.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
kingeric_vii
1 contributo
20 dicembre 2019
97 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
Già 1,604 documenti associati a Dopo 2000
La rete:
Sponsor:
8,826
2,548
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.