Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

La nostra estate, cinquant’anni fa

I servizi di cronaca della TSI di mezzo secolo fa documentano un’estate della Svizzera italiana fortemente segnata dalla preoccupazione per l’ambiente, in particolare per laghi e fiumi. Nel Locarnese si cominciò a parlare di depuratori d’acqua, mentre a Vicosoprano sorse il primo impianto di depurazione nel Grigioni italiano. Avanzava, intanto, la costruzione dell’autostrada N2, che in quei mesi giunse a Bellinzona. Alle rampe del Ceneri, i turisti s’incolonnavano per raggiungere il sud, mentre numerosissimi erano quelli che si fermavano nei campeggi del Locarnese. Ai telespettatori, la TSI proponeva escursioni in montagna, portando le sue camere in vette descritte da Fausto Sassi. Quello di cinquant’anni fa, era un Ticino ancora molto agricolo e alcuni servizi di questo dossier documentano le numerose fiere del bestiame in tutto il territorio. Su tutto ciò, spicca una puntata del programma televisivo «Lavori in corso» prodotto da Grytzko Mascioni. S’intitolava: «La vertigine del futuro», immaginando il mondo nel 2000. Ma nel presente di allora, le operaie della Fehlmann di Biasca erano in sciopero.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
7,431
2,190
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.