Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Critica dei docenti alla prima versione di «La scuola che verrà»

11 dicembre 2014
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Nel 2014, il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS) presentò «La scuola che verrà - Idee per una riforma tra continuità e innovazione». Il documento proponeva idee e concetti sulla base dei quali progettare una riforma della scuola dell'obbligo ticinese attorno ai valori dell'equità, dell'inclusività e della qualità.

Basato su una maggiore differenziazione pedagogica e personalizzazione dell'insegnamento, ma anche sull'incoraggiamento della collaborazione tra insegnanti, fulcro di una scuola che diventa comunità e chiede a tutti i propri membri di esserne parte per poter crescere ed apprendere insieme, il progetto presentato nel 2014 mirava a permettere a tutti gli allievi di esprimere le proprie potenzialità avanzando nel processo di apprendimento e raggiungendo ogni traguardo secondo il proprio ritmo.

Questo servizio di Patrizia Pedevilla Peter andò in onda nell'edizione dell'11 dicembre 2014 della trasmissione televisiva «Il Quotidiano». Raccoglie le reazioni di alcuni docenti alla bozza di progetto.

Gli intervistati sono: Gianluca D'Ettore, del sindacato OCST docenti; e Gianni Tavarini, espero di materia nella Scuola media.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
13 settembre 2018
176 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
00:02:05
La rete:
Sponsor:
5,260
1,861
© 2020 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.