Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Alma Bacciarini: donne e politica

11 febbraio 1991
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua

Alma Bacciarini (1921-2007) era originaria di Cabbio. Dopo il diploma magistrale a Locarno nel 1939, proseguì gli studi alle Università di Ginevra e Zurigo dove ottenne la laurea in lettere nel 1943. Successivamente, svolse attività d'insegnamento, prima al ginnasio di Biasca, quindi alla scuola Arti e mestieri di Bellinzona, poi al ginnasio di Bellinzona.

L'attività politica la vide attiva come membro del Consiglio comunale di Breganzona negli anni Settanta. Per due decenni fu membro della Direttiva cantonale del Partito liberale radicale e tra il 1975 e il 1991 fu deputata al Gran consiglio.

Membro del Comitato del Partito radicale svizzero, tra il 1976 e il 1992 è stata membro della Commissione federale per i problemi della donna. Tra le altre sue attività occorre segnalare la vicepresidenza, nei primi anni Sessanta, dell'associazione svizzera per il suffragio femminile. Nel 1971 è stata presidente del Lyceum della Svizzera italiana, e tra il '73 3 il '77 presidente del Lyceum svizzero. Vicepresidente del Lyceum internazionale nel 1977.

L'Associazione Archivi Riuniti delle Donne Ticino ha pubblicato una scheda biografica firmata da Susanna Castelletti.

In questa intervista curata da Eugenio Jelmini e andata in onda l'11 febbraio 1991 nella trasmissione "Il quotidiano", Alma Bacciarini si esprime sulla partecipazione delle donne svizzere alla vita politica.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,185
1,532
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.