Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Quando tutto va male e altri racconti tristi

2018
Guido Calgari
Armando Dadò editore

Racconti di Guido Calgari ripubblicati da Armando Dadò nel 2018.

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-coper...

La copertina del libro con un opera di Ugo Zaccheo (1882-1972), Il montanaro, 1925 – olio su tela.

Il nome di Guido Calgari è oggi maggiormente legato alla sua attività culturale, più che alla sua produzione letteraria. Meritano quindi di essere riscoperti questi “racconti tristi”, pubblicati nel 1933 e ampliati nel 1968.

L’autore mette in scena l’asprezza del mondo alpino, la tragedia sempre dietro l’angolo, la minaccia dell’emigrazione, l’incontro con una modernità a tratti incomprensibile. Eppure c’è attaccamento a questo mondo, caratterizzato da uno spirito comunitario che va man mano perdendosi, ora che “le rascane sono ormai tutte crollate”.

L’introduzione è di Nelly Valsangiacomo, professoressa di storia contemporanea all’Università di Losanna. Si occupa principalmente di storia culturale e sociale della Svizzera, con particolare attenzione alle fonti audiovisive, al rapporto tra media e alterità e al ruolo degli intellettuali argomenti sui quali portano le sue numerose pubblicazioni.

Biografia dell’autore

Guido Calgari nasce a Biasca nel 1905 e trascorre l’infanzia e la giovinezza a Faido, per poi studiare lettere e filosofia all’Università di Bologna, dove si laurea nel 1928. Rientra in Ticino e si dedica all’insegnamento, collaborando anche con la giovane Radio Monte Ceneri. In anni di intenso impegno svolto all’insegna della Difesa spirituale, assume nel 1940 il ruolo di Direttore della Scuola Magistrale, carica che ricoprirà fino al 1952, quando succederà a Giuseppe Zoppi alla cattedra di letteratura italiana al Politecnico Federale di Zurigo. È tra i fondatori dell’Associazione degli scrittori della Svizzera italiana (ASSI), e riceve tre volte il premio Schiller: nel 1930, nel 1934 e infine nel 1942. Alla sua produzione letteraria - Quando tutto va male (1933), Racconti sgradevoli (1957), si affiancano numerose pubblicazioni dedicate alla difesa della “ticinesità” e dell’italianità all’estero, come Storia delle quattro letterature della Svizzera (1958) e Storia della Svizzera (con Mario Agliati, 1969), o Ticino degli uomini (1966). Muore a Montecatini nel 1969.

Premi e sussidi (ordine alfabetico) – Fondation Schiller (schillerstiftung.ch)

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-8.jpg

Vedi il contributo TSI "Guido Calgari e Piero Bianconi a Sils Maria" cliccando qua.

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-9.jpg

Ascolta la rubrica radiofonica «Radioscuola» del 17 gennaio 1986, dedicata da Calgari a Dante Alighieri. Guido Calgari legge e commenta alcune terzine della Divina Commedia.

Archivio Museo della Memoria: MDM0597

FOTO:

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-1.jpg

Guido Calgari (1905-1969)

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-2.jpg

Guido Calgari studente a Bologna nel 1926

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-3.jpg

Nel suo studio di Lugano nel 1936

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-4.jpg

Al microfono di Radio Monteceneri negli anni trenta del Novecento

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-5.jpg

Nel 1942 Guido Calgari tiene un discorso a Mendrisio

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-6.jpg

Guido Calgari, direttore della Magistrale a Locarno, insieme ai suoi docenti

mdm.atte.ch/MDM0597-foto-7.jpg

Guido Calgari in veste di direttore della Scuola Magistrale negli anni cinquanta del Novecento, accompagnato dalla figlia minore Fiorenza.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
11 novembre 2021
45 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
La rete:
Sponsor:
7,784
2,297
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.