Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

L’eco di Benedetto da Norcia in Ticino

26 marzo 1980
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Realizzata da Paul Lehner e da Valerio Crivelli, questa puntata del programma televisivo «Segni» andò in onda il 26 marzo 1980. Si tratta di un ritratto del fondatore dell’ordine monastico dei benedettini, San Benedetto da Norcia (Norcia, 480 - Montecassino, 547): i luoghi dove ha vissuto, e i monasteri a lui dedicati nella nostra regione.

A pagina 18 del settimanale «Teleradio» in edicola per la settimana dal 22 al 28 marzo 1980, si presentava il servizio con queste parole:

Circa quindici secoli fa — verso il 480 — nasceva a Norcia, da una nobile famiglia locale, Benedetto, il patriarca del monachesimo occidentale.
La sua «Regula» dette origine all’immensa fioritura monastica che, in diverse famiglie religiose, raccolse «monaci che leggevano, coltivavano la terra, esercitavano le arti in mezzo alla grande società che scomponevasi per barbarie e preparavano il germe della futura civiltà e ricomposizione dei popoli».
Dopo Roma, Affile e Subiaco, l’ultima tappa terrena di San Benedetto fu Montecassino: di là i suoi monaci partirono per tutta l’Europa a diffondere la fede cristiana e civiltà. Durante il medioevo i benedettini influirono, in modo spesso determinante, sulla vita della Chiesa e su quella della società civile. Ogni abbazia — comunità indipendente e autonoma — era centro di cultura, di commercio, di fede, di attività, riassumendo le funzioni di università e di scuola popolare, di ospedale, di albergo, di luogo, di ritrovo…
I monaci divennero potenti e la loro influenza divenne qua e là determinante. Intere regioni devono al lavoro dei monaci la fisionomia della loro cultura e l’espandersi della loro economia. Le abbazie conobbero anche la decadenza: in primo luogo quella religiosa.
Oggi i benedettini esercitano — un po’ in tutto il mondo — una notevole influenza vivendo, in modo consono ai tempi nostri, l’idea di San Benedetto: «lavoro e preghiera».

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
15 marzo 2022
104 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:24:50
Già 732 documenti associati a Prima 1900
La rete:
Sponsor:
8,998
2,574
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.