Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Scrigni di storia e di tradizione proiettati verso il futuro

dicembre, 2022
Mattia Dellagana
LaRivista

Nei musei etnografici si ritrovano le nostre radici, che vengono coltivate perché l’eredità culturale non vada persa. Nell’articolo gli esempi di Onsernone, Centovalli e Pedemonte.

Custodiscono un’eredità fondamentale, di storia e di tradizione. Ma non in modo statico. La proiettano infatti verso il futuro, rendendola viva e coltivandola affinché le nostre radici culturali non vadano perse, ma siano tramandate. Sono i musei etnografici, che oltre ad assolvere tale compito, hanno anche una valenza turistica non indifferente.

Particolarmente vivaci quelli di Onsernone e Centovalli e Pedemonte. Ce li siamo fatti raccontare dal loro curatore.

Leggi l’articolo completo di Mattia Dellagana su LaRivista cliccando qua.

Vai al dossier “LaRivista” cliccando qua.

Vai al dossier LIBRI e ARTICOLI - Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0714

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
23 gennaio 2023
43 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
2 dossier
La rete:
Sponsor:
9,435
2,679
© 2023 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.