Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Francesco Maretti – Dalla Morobbia a Liegi

2018
Diego Santini
La Turrita

L'articolo, a cura di Diego Santini, è apparso nel novembre 2018 su La Turrita.

Francesco Maretti nacque a Sant’Antonio il 29 febbraio 1844. Figlio di Giovanni Giacomo (1816-1865) e di Maria Donata Boggia (1819-1894), era il secondogenito di undici fratelli. Alcune fonti lo danno a Liegi già nel 1862, probabilmente per apprendervi il mestiere di vetraio. Verso la fine del 1867 Francesco rientrò in valle e fra lui e Maria Solari di Pianezzo (1841-1925), figlia di Giovanni, sbocciò l’amore, sebbene lei fosse già promessa a un altro uomo.

Quando nel 1868 Maria rimase incinta, i genitori si opposero al matrimonio riparatore. Allora i due giovani decisero di fuggire a Liegi.

Un familiare si accorse delle loro intenzioni e cercò di bloccarli rincorrendoli, pare, fino ad Osogna, ma inutilmente. Francesco e Maria si sposarono a Liegi il 2 dicembre 1868. Emilio, il loro primo figlio, nacque il 31 gennaio 1869. Nel 1870 Francesco fondò a Liegi la Vetreria Maretti, oggi gestita da Sophie, rappresentante della quinta generazione dei Maretti. Francesco e Maria ebbero tre figli: Emile Ernest Arnold Pierre Maretti (1869-1939), Clorinde Uranie Marie Maretti, deceduta a tre mesi nel 1872, e Edouard Armand Joseph Maretti (1877-?).

Emile Ernest (spesso chiamato solo Ernest) acquisì la nazionalità belga ed esercitò la sua professione nell’amministrazione pubblica. Trasferitosi a Fosses-la-Ville, nel 1880 sposò Odile Gailly, proveniente da una famiglia agiata della regione, ed ebbe due figli. Ernest acquistò una villa e fu nominato segretario comunale della città.

Alla morte di Francesco Maretti, avvenuta nel 1896, Edouard Armand (noto come Armand) si occupò della gestione della vetreria. Nel 1904 sposò Giovanna Maria Ista ed ebbe quattro figli di cui due morti prima di aver compiuto l’anno di vita.

La Vetreria Maretti è stata un importante punto di riferimento per altri morobbiotti che avevano deciso di emigrare. Lavorandovi per un certo tempo, erano in grado di guadagnare abbastanza denaro per poi trasferirsi negli Stati Uniti. (…)

Autore articolo: Diego Santini

Leggi l’articolo cliccando qua.

Vai al dossier “Echi del tempo – Testimonianze della Valle Morobbia” cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0420

Foto

mdm.atte.ch/MDM0420-foto-1.jpg

Francesco (François) Maretti

mdm.atte.ch/MDM0420-foto-2.jpg

Maria Solari

mdm.atte.ch/MDM0420-foto-3.jpg

Francesco Maretti

mdm.atte.ch/MDM0420-foto-4.jpg

Edouard Armand Maretti.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
14 giugno 2021
33 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
La rete:
Sponsor:
7,754
2,286
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.