Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
È online la nuova piattaforma nazionale: historiaHelvetica.ch
In evidenza
La Freccia Rossa

La Freccia Rossa

agosto, 1936
P . Bovet SBB Historic
Plomb Yannik

La Freccia Rossa è un famoso tipo di automotrici delle Ferrovie Federali Svizzere (SBB-FFS).

Negli anni '30, le FFS progettarono di costruire veicoli semoventi per il trasporto passeggeri sulle linee a bassa frequentazione. Furono costruiti diversi esemplari, ma lo stadio del prototipo non sarà superato. La redditività sperata non fu raggiunta e troppi guasti ebbero ragione del progetto, e i veicoli furono attribuiti al trasporto di gruppi e viaggi organizzati. Furono studiate diverse configurazioni: cassa singola o doppia, 2a o 3a classe.

Nel 1935 molte linee regionali non erano ancora idonee alla trazione elettrica, e si decise di realizzare due "Frecce " a trazione termica che furono elettrificate una quindicina di anni più tardi.Si tende a soprannominare le Frecce rosse "automotrici", ma solo macchine totalmente autonome, quindi a trazione termica e non dipendenti da una linea di contatto, possono essere considerate tali. Solo i due esemplari summenzionati possono quindi rivendicare il titolo di autorail.

All'epoca della loro costruzione, le FFS desideravano applicare una livrea rosso acceso ai loro veicoli semoventi per poterli distinguere più facilmente. Questa livrea, applicata a questi prototipi, e la loro velocità massima di 125 km/h (che all'epoca era veloce per il servizio regionale) decisero il loro soprannome di "Frecce rosse ". Le sottoserie

un post interessante

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
  • Claudio Abächerli

    La cosa che più impressiona è naturalmente il prezzo assolutamente esorbitante del biglietto! Fr. 43.65 in seconda classe quando un discreto salario della classe media era di 450-500 franchi al mese, e ancora negli anni 50 un operaio prendeva meno di 3 franchi all ora (vedi lanostrastoria.ch/galleries/qu... ). Fatte le debite proporzioni corrisponderebe oggi ad un prezzo di almeno 500 franchi! Viaggiare era un lusso. V'era si la terza classe (detta "classe di legno") che era più economica, ma in proporzione sempre ancora assai cara se confrontata coi prezzi odierni. Inoltre noto un piccolo errore tipografico sul biglietto che dice "Lugano SFF" mentre dovrebbe essere "Lugano FFS" - Dopotutto sono le Ferrovie Federali Svizzere e non le Svizzere Federali Ferrovie come avrà pensato il tipografo distratto che aveva il mente le SBB! La freccia rossa la si vedeva di raro, quante ore passate sul "ponte di ferro" di Massagno tra l'uscita della galleria di Crespera e la stazione di Lugano nella speranza di scorgerne una! Cosa che accadeva sì, ma di raro.

Plomb Yannik
209 contributi
7 maggio 2023
133 visualizzazioni
3 likes
0 preferiti
3 commenti
0 dossier
Già 1,344 documenti associati a 1930 - 1939

Le nostre vite: un secolo di storia degli svizzeri attraverso le loro immagini

La rete:
Sponsor:
11,205
3,081
© 2024 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.