Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Mendrisio, VENERDÌ SANTO 2006.  Marce funebri eseguite dalla Filarmonica di Stabio e dalla Civica di Mendrisio.

14 aprile 2006
Rodolfo Bernasconi

La processione del Venerdì Santo fu istituita verso la fine del Seicento dai Servi di Maria o Serviti, ordine religioso fondato a Firenze nel 1240 fervente assertore e divulgatore del culto della Vergine dei sette dolori. Una statua della Vergine, insieme ad una del Cristo morto, troneggia infatti nel periodo prepasquale nella chiesa di S. Giovanni, in attesa di venir portata in processione sulle spalle dei fedeli.

La funzione del Venerdì Santo veniva chiamata anche ”Enterro”, ossia il funerale di Gesù. È dunque da sempre un momento solenne e drammatico. Nelle vie in penombra sfilano ordinatamente i lampioni, portati da seicento bambini ed adulti, che illustrano i fatti principali della Via Crucis.

Formazioni bandistiche accompagnano il corteo silenzioso, accentuando con le loro melodie gravi e solenni l’atmosfera di cordoglio e raccoglimento.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
30 marzo 2021
162 visualizzazioni
2 likes
1 preferito
0 commenti
0 dossier
00:13:58
Già 1,320 documenti associati a Dopo 2000
La rete:
Sponsor:
6,845
2,110
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.